ANDAMENTO TRAFFICI PORTO DI RAVENNA PRIMI 7 MESI 2023: QUASI 15,6 MILIONI DI TONNELLATE DI MERCE MOVIMENTATA (-4,9% RISPETTO ALL’ANNO RECORD 2022).

Data pubblicazione: 05/09/2023

Tipo Documento: Comunicazione

Settore: Pubblicazioni Generali

Numero: 84

Il porto di Ravenna nei primi sette mesi del 2023 ha movimentato complessivamente 15.572.366 tonnellate, in calo del 4,9% (oltre 800 mila di tonnellate in meno) rispetto l’anno precedente.

Gli sbarchi sono stati pari a 13.603.320 tonnellate e gli imbarchi pari a 1.969.046 tonnellate (rispettivamente, -4,5% e -7,8% in confronto ai primi 7 mesi del 2022).

Il numero di toccate delle navi a tutto luglio è pari a 1.460, per 163 toccate in meno (-11,2%) rispetto al 2022.

Nel mese di luglio, sono state movimentate 2.181.056 tonnellate, in diminuzione del 13,1% (quasi 328 mila tonnellate in meno) rispetto allo stesso mese del 2022.

 

Analizzando le merci per condizionamento, nel periodo gennaio-luglio 2023 le merci secche (rinfuse solide, merci varie e unitizzate) - con una movimentazione di 12.936.293 tonnellate - sono diminuite del 4,5% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Nell’ambito delle merci secche, quelle unitizzate in container (con 1.453.116 tonnellate) sono diminuite del 6,5% rispetto al 2022.

Continua invece il buon andamento delle merci su rotabili che chiudono i primi sette mesi del 2023 in crescita del 5,6% rispetto al 2022, movimentando 1.113.645 tonnellate, mentre i prodotti liquidi, con una movimentazione di 2.636.073 tonnellate, sono in calo (-6,8%) rispetto allo stesso periodo del 2022.

Il comparto agroalimentare (derrate alimentari e prodotti agricoli) risulta ancora in crescita, con il periodo gennaio-luglio 2023 che si è chiuso movimentando complessivamente 3.110.212 tonnellate di merce, + 0,7% (poco più di 22 mila tonnellate in più) rispetto allo stesso periodo del 2022.

In particolare, sono ancora in aumento i cereali, con 1.060.599 tonnellate movimentate (+33,3% rispetto al 2022), mentre la movimentazione delle farine, pari a 583.061 tonnellate, è diminuita del 12,2% rispetto al 2022. Stabili gli sbarchi dei semi oleosi che, con 763.537 tonnellate, segnano un +0,1% rispetto al 2022, mentre segno negativo nel periodo gennaio-luglio 2023 per la movimentazione di oli animali e vegetali, pari a 381.417 tonnellate (-26,7% rispetto al 2022).

I materiali da costruzione hanno movimentato complessivamente, nel periodo gennaio-luglio 2023, 2.743.517 tonnellate, in calo (-15,0%) rispetto allo stesso periodo del 2022.

la movimentazione di materie prime per la produzione di ceramiche del distretto di Sassuolo, con 2.496.308 tonnellate, è anch’essa in diminuzione dell’15,1% rispetto ai primi 7 mesi del 2022.

Per i prodotti metallurgici sono state movimentate 3.904.644 tonnellate, in calo dell’8,1% rispetto allo stesso periodo del 2022

Per quanto riguarda i prodotti chimici, sono state movimentate 598.328 tonnellate (-11,9% rispetto allo stesso periodo del 2022), mentre per i prodotti petroliferi, nei primi 7 mesi del 2023 sono state movimentate 1.495.172 tonnellate, in aumento rispetto allo stesso periodo del 2022 (+0,6%).

Si mantiene positivo il risultato per i concimi e fertilizzanti, con una movimentazione pari a 982.641 tonnellate (+19,2% rispetto al 2022).

 

Nei primi 7 mesi del 2023 i contenitori, con 132.803 TEUs, sono diminuiti del 9,7% rispetto al 2022, un calo che continua a riguardare sia i TEUs pieni, pari a 101.465 (il 76% del totale dei TEUS), in calo del 10,7% rispetto al 2022, sia i TEUs vuoti, pari a 31.338, in diminuzione del 6,4% rispetto al 2022.

In termini di tonnellate, la merce in container nel periodo, pari a 1.453.116 tonnellate, è calata del 6,5% rispetto ai primi 7 mesi del 2022.

 

 

Il numero di toccate delle navi portacontainer, pari a 269, è diminuito rispetto alle 291 del 2022 (22 toccate in meno).

 

Nel mese di luglio sono stati movimentati 17.243 TEUs, di cui 13.296 pieni (-24,8% sul 2022) e 3.947 vuoti (-37,2% sul 2022), per 185.542 tonnellate mensili corrispondenti (-22,2% rispetto a luglio 2022).

 

Positivo nel periodo gennaio-luglio 2023 il risultato complessivo del porto di Ravenna per trailer e rotabili, in aumento dell’1,3% per numero di pezzi movimentati (53.816 pezzi, 697 in più rispetto al 2022) e del 5,6% in termini di merce movimentata (1.113.645 tonnellate).  In crescita la linea RO-RO Ravenna – Brindisi – Catania operata dal gruppo GRIMALDI, con i pezzi movimentati, pari a 47.860 (+1,1% e 544 pezzi in più); mentre per il mese di luglio i pezzi sono stati 7.325 (contro i 7.234 pezzi del 2022) con 91 pezzi in più e un incremento dell’1,3%.

Ancora negativo, ma in recupero, il risultato per l’automotive nei primi 7 mesi del 2023, con 4.383 pezzi movimentati, per soli 21 pezzi in meno (-0,5%) rispetto ai 4.404 pezzi del 2022, grazie ad un luglio molto positivo, in cui sono stati movimentati 1.721 pezzi, pari a 1.593 pezzi in più (+1.244,5%) rispetto allo stesso mese del 2022.

 

Per quanto riguarda le crociere, in totale tra aprile e luglio si sono registrati 46 scali di navi da crociera (contro i 59 scali del 2022), per un totale di 165.652 passeggeri (+85,0%), di cui 148.082 in “home port”. Nel mese di luglio si sono registrati al Terminal Crociere di Ravenna 17 scali di navi da crociera, per un totale di 75.234 passeggeri (+95,7%), di cui 69.099 in “home port”.

 

In base alle comunicazioni preventive caricate sul Port Community System, per il mese di agosto 2023 si stima una movimentazione complessiva di 2,1 milioni di tonnellate, con un calo di oltre l’8% rispetto ad agosto 2022.

Buono il risultato dei chimici liquidi, in aumento di oltre il 68%, dei metallurgici (+17%), dei petroliferi (+6%) e degli agroalimentari solidi, in crescita nel mese di oltre il 4%, mentre per le altre merceologie si stimano cali più o meno significativi: gli agroalimentari liquidi dovrebbero calare di quasi il 49%, i materiali da costruzione di quasi il 55%, i concimi di oltre il 3%.

In diminuzione rispetto ad agosto 2022 anche la merce in container sia in tonnellate (quasi il -10% in meno) che per numero di TEUs (-13%), mentre si stima in aumento la merce su trailer sia per tonnellate (+29%) che per numero di trailer (+27%).

I primi 8 mesi del 2023 dovrebbero chiudersi, in sintesi, con una movimentazione complessiva di quasi 17,7 milioni di tonnellate, in diminuzione di oltre il 5% rispetto ai primi 8 mesi del 2022.

Come progressivo, sono in tenuta i prodotti petroliferi, con circa 1,7 milioni di tonnellate (+1,3%), e si stima un buon risultato sia per gli agroalimentari solidi, in crescita di oltre il 6% (oltre 2,9 milioni di tonnellate), sia per i concimi, in crescita di quasi il 16% (circa 1.120.000 tonnellate).

In calo di quasi il 21%, invece, i materiali da costruzione (2,9 milioni di tonn. movimentate), del 5% i metallurgici (4,5 milioni di tonn. movimentate), del 22% gli agroalimentari liquidi (620.000 tonn. movimentate) e di quasi il 3% i prodotti chimici (660.000 tonn. movimentate).

Stima negativa nei primi 8 mesi del 2023 per i container, con 146 mila TEUs (-10% rispetto al 2022, oltre 16.000 TEUs in meno); dal punto di vista dei volumi movimentati, la merce in container è stimata in circa 1,6 milione di tonnellate, in diminuzione di quasi il 7% rispetto al 2022.

Ottimo il risultato dei trailer movimentati che, nei primi 8 mesi del 2023, dovrebbero raggiungere quasi 54.000 pezzi (+3,5%) con la corrispondente merce su trailer, per 1,25 milioni di tonnellate, che dovrebbe superare di quasi l’8% quella movimentata fino a agosto 2022.

Per quanto riguarda le crociere, in agosto si sono registrate 16 attracchi di navi da crociere e oltre 59.00 passeggeri e pertanto gli 8 mesi dovrebbero chiudersi con 225.000 passeggeri.

 

A cura del Servizio Analisi e Statistica (Area Pianificazione, Sviluppo, Pr

ANDAMENTO TRAFFICI PORTO DI RAVENNA
PRIMI 7 MESI 2023: QUASI 15,6 MILIONI DI TONNELLATE DI MERCE MOVIMENTATA (-4,9% RISPETTO ALL’ANNO RECORD 2022).

Data creazione: 05/09/2023

Data ultimo aggiornamento: 05/09/2023

Comunicazioni e Avvisi correlati

Comunicazioni – Pubblicazioni Generali 14/06/2024
Presso la Sala Conferenze dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro-Settentrionale si è tenuto lunedì 10 giugno, un Tavolo di Confronto con gli operatori economici e doganali del porto di Ravenna promosso dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) - Ufficio delle dogane di Ravenna, in collaborazione con l’Associazione Doganalisti Emilia-Romagna (ADER) Sezione di Ravenna. L’incontro, che ha visto la partecipazione di doganalisti, agenti marittimi e terminalisti, personale dell’Ufficio UVAC – PCF Emilia-Romagna, del Servizio fitosanitario di Ravenna, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ravenna e dell’Autorità di Sistema Portuale, ha rappresentato un’importante occasione di dialogo tra tutti gli operatori dello scalo ravvenate per approfondire alcune rilevanti novità introdotte in materia doganale e altri adempimenti. Gli operatori doganali hanno potuto confrontarsi con i rappresentanti di ADM, tra cui il Dirigente della Direzione Dogane – Ufficio Controlli Dogane, il responsabile della Sezione Dogane della Direzione Territoriale, il Dirigente dell’Ufficio delle dogane di Ravenna e la responsabile dell’Area Tributi, Antifrode e Controlli del medesimo Ufficio, chiarendo dubbi specifici e discutendo soluzioni pratiche per una migliore gestione delle operazioni doganali. Durante l’incontro sono state affrontate tematiche di grande rilevanza e attualità, tra le quali il nuovo sistema informatico (PoUS), messo a punto dai competenti Servizi unionali per la prova della posizione unionale delle merci e la gestione dei documenti T2L/T2LF, in sostituzione della precedente procedura cartacea, e lo sportello unico Certex, destinato a semplificare e velocizzare le procedure di controllo doganale. Inoltre, sono state illustrate le procedure per i certificati biologici, essenziali per garantire la conformità delle merci alle normative europee in materia di agricoltura biologica. ADM, in collaborazione con l’ADER e l’AdSP, promuoverà entro l’anno l’organizzazione di un secondo incontro per mantenere un dialogo costante con tutti gli operatori del settore, favorendo l’aggiornamento sulle normative e le best practices doganali.  
Comunicazioni – Pubblicazioni Generali 13/06/2024
Una delegazione guidata da Hanna Laurén, Consigliere dell’Ambasciata finlandese in Italia per smart mobility e digitalizzazione – che già nell’ottobre scorso aveva incontrato il Presidente Rossi - e composta, tra gli altri, da Markku Alahäme, Direttore Tecnico del Porto di Turku, e rappresentati di enti statali finlandesi come Traficom, l’Agenzia del Trasporto e della Comunicazione finlandese e Fintraffic, l'agenzia di trasporti, che gestisce strade, ferrovie, porti ed aereoporti in Finlandia, ha incontrato ieri (12 giugno 2024) il Segretario Generale dell’Autorità Portuale di Ravenna, Fabio Maletti, insieme ad Angelo Mazzotti, Responsabile della Direzione per la Transizione al digitale ed al team ICT dell’ente. L’incontro, al quale hanno partecipato anche rappresentanti di società finlandesi che operano nel settore delle comunicazioni e della mobilità è stato centrato sul processo di digitalizzazione in corso nei porti finlandesi ed in quelli italiani. A Ravenna infatti l’Autorità Portuale sta dando impulso da tempo ad una forte implementazione dei processi di digitalizzazione ed innovazione tecnologica dell’intero sistema ed ha quindi potuto portare la propria esperienza, raccontando i tanti progetti che si stanno realizzando o che si sono recentemente conclusi per un utile confronto con le esperienze finlandesi ed esplorare possibili opportunità di cooperazione, anche nell’ambito dello sportello unico marittimo (European Maritime Single Window). Nel porto di Ravenna è attiva da tempo una infrastruttura di circa 30 Km in fibra ottica, a servizio di tutta l’area portuale. Sono ora in progetto l'estensione del cablaggio in fibra ottica, la ristrutturazione della rete wifi e la copertura in tecnologia 5G privata di tutta l'area portuale. Tra i progetti di digitalizzazione e innovazione, è in corso il progetto denominato Open Digital Twin port, ovvero la realizzazione di un “gemello digitale” del Porto di Ravenna che consentirà di creare una replica virtuale dello scalo sulla quale poter simulare e pianificare moltissime attività, comprese quelle di dragaggio e di manutenzione, valutando le possibili interferenze e garantendo un maggior coordinamento e sicurezza nel loro svolgimento, anche potendo simulare le conseguenze di condizioni meteorologiche estreme o disastri naturali. Per una sempre maggiore dematerializzazione dei documenti in ambito portuale ed una  gestione online di tutti i processi amministrativi, è istituito nel porto di Ravenna uno sportello unico digitale, con particolare attenzione a semplificare, snellire, rendere più veloci, efficienti e sicure le pratiche relative al rilascio delle autorizzazioni e dello svolgimento delle procedure necessarie per l’esercizio di attività relative alla gestione e utilizzo del demanio marittimo e per gli altri procedimenti amministrativi di competenza dell’Autorità di Sistema Portuale. Naturalmente, in parallelo, per garantire la massima sicurezza informatica si sono adottate soluzioni tecnologiche innovative per la mitigazione del rischio di subire danni gravi a seguito di attacchi sulla rete.
Comunicazioni – Pubblicazioni Generali 12/06/2024
Il Presidente dell’Autorità Portuale di Ravenna, Daniele Rossi, ha partecipato quest’oggi al Convegno  dal titolo “Sicurezza e ottimizzazione del flusso di passeggeri nei porti e alle frontiere: Entry/Exit System e ipotesi di estensione del PNR al comparto marittimo” organizzato dalla Fondazione ICSA (Intelligence Culture and Strategic Analysis) (vedi foto). Il Convegno, che si è tenuto presso la Scuola di Perfezionamento per le Forze di Polizia di Roma, si propone di sensibilizzare decisori politici e amministrativi, stakeholders e cittadini rispetto al tema dei benefici dell’introduzione del Sistema europeo di ingressi/uscite (Entry/Exit System – EES) nel settore marittimo, dei  vantaggi derivanti dalla raccolta in anticipo dei dati dei viaggiatori marittimi e dal controllo automatizzato delle frontiere, soluzioni innovative per la raccolta e l’analisi delle informazioni dei viaggiatori e la velocizzazione delle operazioni di gestione dei transiti ai valichi di frontiera (ipotesi di estensione della procedura PNR al comparto marittimo, tecnologia biometrica e “mobile”, ecc.). 

Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare.

Privacy policycookies