hero
Comunicazioni 12/04/2024
Si è appena conclusa a Miami la manifestazione Seatrade Cruise Global, il più importante evento crocieristico a livello mondiale che si svolge ogni anno richiamando circa 10.000 partecipanti di 120 diverse nazionalità tra espositori, visitatori e compagnie di crociere, che accoglie oltre 600 stand di espositori internazionali e 240 speakers che partecipano alle conferenze in programma. Il porto di Ravenna era presente nella collettiva dei porti italiani organizzata da ASSOPORTI con il supporto di ENIT. Il padiglione è stato inaugurato del Viceministro alla Infrastrutture Edoardo Rixi (nella foto insieme a Mario Petrosino dell’Autorità Portuale di Ravenna, e ad Anna Karina Santini di Royal Caribbean ed Anna D’Imporzano di Ravenna Civitas Cruise Port) Durante la fiera, l’Autorità Portuale di Ravenna, rappresentata dal suo Direttore Operativo Mario Petrosino, e Ravenna Civitas Cruise Port, società concessionaria del terminal crociere, rappresentata dal Direttore Generale Anna D’Imporzano, hanno presentato i più importanti progetti in via attuazione: i dragaggi e il potenziamento delle infrastrutture portuali per migliorare l’accessibilità nautica al porto, il parco fotovoltaico che produrrà energia a servizio anche del molo crociere - compreso il cold ironing, un sistema di elettrificazione delle banchine che permetterà alle navi in sosta di spegnere i motori e alimentarsi tramite energia elettrica, la costruzione della nuova stazione marittima e l’urbanizzazione dell’area retrostante che comprende il Parco delle Dune, un’area di verde pubblico di circa 12 ettari che sarà realizzato dall’Autorità di Sistema Portuale. Un particolare accento è stato posto sulla promozione di Ravenna come destinazione crocieristica, un territorio con una offerta turistica, culturale, artistica, gastronomica tra le più ricche e varie del nostro Paese, e una profonda vocazione per l’accoglienza e la sostenibilità. “Oltre ad apprezzare il progetto del nuovo terminal – ha sottolineato il Direttore Operativo dell’Autorità Portuale di Ravenna, Mario Petrosino - diverse compagnie hanno evidenziato le potenzialità del porto per il rifornimento navi con il GNL grazie all’unico deposito esistente in Italia situato a Ravenna. Grande interesse ed apprezzamento anche per il progetto di fornitura elettrica in banchina attraverso energia green, prodotta da solare. Un terminal crociere tra i pochi al mondo ad impatto energetico zero. Siamo molto fiduciosi che con il completamento della stazione marittima il numero delle navi da crociera che scaleranno Ravenna sarà ancora maggiore rispetto a quello già importante di questi ultimi anni.”
Comunicazioni 12/04/2024
Miami - La portualità italiana è sbarcata a Miami per partecipare alla più grande fiera delle crociere al mondo nel padiglione Cruiseitaly promosso da Assoporti, e condiviso da tutte le Autorità di Sistema Portuale. L’avvio dei lavori della parte espositiva della manifestazione è stato fatto con il taglio del nastro del Vice Ministro Rixi, unitamente al Console Generale d’Italia a Miami Michele Mistò. Nella delegazione istituzionale italiana erano presenti anche il direttore dell’ICE Carlo Bocchi, il Presidente della Commissione ambiente della Camera, On. Mauro Rotelli e l’On. Andrea Di Giuseppe.  All’inaugurazione dello stand, per la prima volta da quando le AdSP partecipano alle manifestazioni di sistema all'estero, era presente, come detto, un viceministro dando lustro alle attività portate avanti dai porti. Rixi ha voluto sottolineare quanto sia importante per l’Italia l’economia del mare, ricordando la centralità della nostra Nazione in questo importante settore dell’economia.  La presenza della delegazione istituzionale presso il Seatrade 2024, e, in particolare nel Padiglione CruiseItaly, conferma l’importanza della manifestazione per il settore. Si tratta, infatti, di una fiera che vanta la presenza di più di 10.000 visitatori e 600 espositori provenienti da più di 120 paesi nel mondo. La partecipazione consente a tutto il sistema di confrontarsi in un contesto internazionale di notevole rilievo con la possibilità di evidenziare il valore del marchio Made In Italy, motivo conduttore della nostra strategia di sviluppo.  “Anche quest’anno l’Italia dei porti si presenta unita per partecipare agli incontri e agli eventi messi in atto da Seatrade, unendo i momenti di conferenze ufficiali a quelli di networking tra tutti gli stakeholder del segmento,” ha commentato da Roma il Presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri.    “In Italia il traffico crociere ha raggiunto nel 2023 un record storico senza precedenti come ho avuto modo di ricordare in diverse occasioni. Un segmento che cresce grazie ai servizi efficienti dei nostri porti ma, naturalmente, per il forte richiamo turistico del nostro Paese che detiene beni culturali e paesaggi unici al mondo oltre, naturalmente, all'eccellente enogastronomia. Riteniamo, infatti, che la destination Italia vada valorizzata anche con queste forme di partecipazione. Per il 2024 ci aspettiamo ancora un incremento del numero dei passeggeri come è stato ampiamente detto anche nel corso di diversi eventi e seminari”, ha concluso Giampieri.  Il concept del padiglione CruiseItaly – _one country, many destinations , promosso da Assoporti con la comunicazione e la presentazione di tutto il sistema Paese coordinato, consente di poter dare risposte sia in termini operativi portuali che di offerta turistica sul territorio.
Comunicazioni 09/04/2024
Per leggere la rivista vai a questo link: /media/files/Magazine%20anno%204%20n%202(2).pdf
Comunicazioni 09/04/2024
Il prossimo 12 aprile, alle ore 10, la Camera di Commercio Italo-Bosniaca, in collaborazione con la Camera di Commercio Ferrara Ravenna, ospiterà, nella Sala Cavalcoli della sede camerale di Viale Farini 14 a Ravenna, un workshop dedicato ad un aggiornamento sulle opportunità di business per le imprese italiane nei Balcani Occidentali, con un focus particolare sulla Bosnia-Erzegovina. Il riconoscimento alla Bosnia-Erzegovina dello status ufficiale di “paese candidato” e l’impegno fortemente ribadito dalle istituzioni europee a sostenerne l’integrazione nella UE, incoraggiando il Paese ad accelerare il processo di allineamento con gli standard comunitari, aprono, sul piano economico, nuove opportunità per le nostre imprese. L’incontro sarà l’occasione per fare il punto, assieme a illustri relatori e qualificati rappresentanti del mondo camerale della Bosnia-Erzegovina, sulle opportunità di cooperazione emergenti da tale prospettiva europea, in modo particolare in quei settori in cui la domanda di innovazione espressa dal mercato balcanico può incontrare risposta nella eccellente offerta di know-how delle nostre imprese. Tecnologie green per l’ambiente (in particolare per la gestione sostenibile dei rifiuti, la riduzione dell’inquinamento e l’efficientamento energetico), nuove tecnologie per l’industria metalmeccanica e per il settore agricolo (rimodernamento delle macchine agricole e dei sistemi di concimazione, irrigazione e drenaggio), sviluppo di competenze digitali in tutti i settori della produzione e dei servizi, rappresentano oggi gli ambiti in cui si concentrano le maggiori opportunità per le aziende italiane. “Ringrazio la Camera di commercio di Ferrara e Ravenna per aver voluto condividere con noi l’impegno ad organizzare questa iniziativa in un momento che possiamo definire ‘storico’ per la Bosnia-Erzegovina” -  dichiara Matteo Leoni, presidente della Camera di commercio Italo-Bosniaca. “L’avvio dei negoziati di adesione, deciso dal Consiglio Europeo lo scorso 21 marzo, rappresenta un passo fondamentale per il percorso del Paese verso la Unione Europea e delinea uno scenario di grande interesse anche sul piano economico che abbiamo voluto condividere con il nostro territorio, da sempre attento ai vicini mercati balcanici. Le già eccellenti relazioni bilaterali, con il nostro paese primo esportatore in Bosnia-Erzegovina, si arricchiscono oggi di ulteriori ambiti e opportunità di collaborazione che vogliamo segnalare alle imprese, affinchè, con il supporto della nostra Camera, solidamente presente da oltre 20 anni sul territorio, possano intraprendere con successo percorsi di internazionalizzazione nell’area” “Forti dei tanti primati in campo economico e della loro vocazione all'internazionalizzazione – ha commentato Giorgio Guberti, presidente della Camera di commercio di Ferrara e Ravenna - le imprese ravennati e ferraresi avranno la possibilità di entrare in contatto con le opportunità offerte dai mercati dei Balcani Occidentali, con la prospettiva di avviare o consolidare rapporti commerciali internazionali. Il nostro - ha proseguito Guberti- è un territorio ricco di attività e di imprenditori con una forte vocazione all’export, capaci di proporre all’estero prodotti innovativi di qualità e che, anche grazie a tale importante iniziativa, avranno modo di entrare in contatto con un consistente patrimonio di informazioni, di conoscenze e di contatti, frutto del radicamento della Camera di commercio Italo Bosniaca sul territorio e del legame costruito nel tempo con il mondo imprenditoriale e le istituzioni locali". La Camera di Commercio Italo-Bosniaca opera dal 1996 a livello nazionale, con sede a Ravenna e un ufficio a Sarajevo attivo da oltre 20 anni, divenuto oggi un punto di riferimento per le imprese italiane che intendono approcciare il mercato balcanico. La partecipazione è gratuita previa iscrizione Per informazioni:  Marina Vicini, 0544 481477 - mail camitalobosniaca@racine.ra.it
Comunicazioni 05/04/2024
Con l’istituzione della “Giornata del Mare” presso gli Istituti scolastici di ogni ordine e grado ai sensi dell’art. 52 DL n. 171/2005, il Legislatore ha inteso “… sviluppare la cultura del mare inteso come risorsa di grande valore culturale, scientifico, ricreativo ed economico». In quest’ottica, la Direzione Marittima dell’Emilia-Romagna e Capitaneria di porto Guardia Costiera di Ravenna, il Ministero dell’istruzione e del merito - Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna (Ufficio X - Ambito Territoriale per la provincia di Ravenna), il Comune di Ravenna (Assessorato al porto e Assessorato alla cultura, scuola, università) e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro Settentrionale di Ravenna, sono impegnati nell’organizzazione di un evento rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie della Città di Ravenna. L’iniziativa prevede la partecipazione di diverse figure professionali del lavoro marittimo e portuale, che avranno l’occasione di raccontare la propria attività legata al mare con personale di rappresentanza, materiale espositivo e con le proprie imbarcazioni. Tra gli altri saranno presenti anche gli studenti dell’I.T.I.S. N. BALDINI del corso Conduzione del mezzo navale, che avranno l’occasione di raccontare le proprie esperienze e attività legate al mare, il museo della Marineria di Cesenatico, il museo dell’attività subacquea di Marina di Ravenna, il CESTHA (Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat marini), l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, il Welfare della Gente di Mare, la Stella Maris, l’Associazione degli Agenti Marittimi Raccomandatari di Ravenna, la Guardia Costiera Ausiliaria di Ravenna, l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, la Lega Navale Italiana di Ravenna, il Circolo Velico Ravennate, la Croce Rossa Italiana, l’Associazione di volontariato MARINANDO, la Cooperativa bagnini di Ravenna, la Compagnia portuale e Associazione Italiana di Tecnica Navale. Alle ore 8.00 dell’11 aprile avverrà l’apertura del ponte mobile per consentire il passaggio di un convoglio di diverse unità navali tra le quali quella della Guardia Costiera, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco, dei Piloti del porto, del Gruppo ormeggiatori, della CO.GE.MO. con il Motopesca Tenente, della TST SOLDATI con una barca a vela, della Società BAMBINI con un Supply Vessel, della SIMAP con una m/b per ritiro rifiuti, della SECOMAR con una m/b disinquinante e della Società Marine Consulting con un motopontone. Ciò posto, i dirigenti, i docenti, gli studenti e la cittadinanza tutta, sono invitati all’evento che si svolgerà in Darsena di Città, nella banchina antistante il Comando della “Direzione Marittima dell’Emilia-Romagna - Guardia Costiera”, Via Antico Squero, n. 5, il giorno giovedì 11 aprile 2024. L’evento ha lo scopo di avvicinare la conoscenza della cultura e delle tradizioni marinare e, più in generale, il mondo produttivo, economico, ambientale, culturale, scientifico e sportivo che ruota intorno alla risorsa “mare” e che da questa trae la propria ragione d’essere oltre che il proprio sostentamento. Sarà una mattinata (dalle ore 09.30 alle ore 13.30) durante la quale gli studenti/alunni/scolari saranno intrattenuti dai rappresentanti della realtà marittima ravennate e potranno ascoltare racconti e assistere ad attività, all’insegna della curiosità di scoprire un mondo di grande fascino al quale sempre più si lega la città di Ravenna. Inoltre, si fa presente che alle ore 10.00, ci saranno i saluti istituzionali del Prefetto di Ravenna Dott. Castrese DE ROSA, del Direttore Marittimo dell’Emilia-Romagna C.V.(CP) Michele MALTESE, del Dirigente scolastico provinciale Dott. Paolo BERNARDI, del Presidente dell’Autorità di Sistema portuale Dott. Daniele ROSSI e dell’Assessora al porto del Comune di Ravenna Dott.ssa Annagiulia RANDI.
Comunicazioni 05/04/2024
  Il Porto di Ravenna nei primi due mesi del 2024 ha movimentato complessivamente 3.813.170 tonnellate, in calo del 9,0% (quasi 379 mila di tonnellate in meno) rispetto allo stesso periodo del 2023. Gli sbarchi sono stati pari a 3.295.005 tonnellate e gli imbarchi pari a 518.165 tonnellate (rispettivamente, -10,6% e +2,4% in confronto ai primi 2 mesi del 2023). Il numero di toccate delle navi è stato pari a 405, con 35 toccate in più (+8,6%) rispetto al 2023. Il mese di febbraio 2024 ha registrato una movimentazione complessiva di 2.049.990 tonnellate, in crescita del 2,1% (quasi 43 mila tonnellate in più) rispetto allo stesso mese del 2023. Analizzando le merci per condizionamento, nei primi due mesi del 2024, si evince che le merci secche (rinfuse solide, merci varie e unitizzate) - con una movimentazione pari a 3.020.992 tonnellate - sono diminuite del 10,6% (quasi 358 mila tonnellate in meno) rispetto allo stesso periodo del 2023; negativo anche il risultato delle merci su rotabili (281.274 tonnellate), in calo del 7,6% rispetto al 2023 e dei prodotti liquidi, che, con una movimentazione di 792.178 tonnellate, sono diminuiti del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2023. Il comparto agroalimentare (derrate alimentari e prodotti agricoli), con 640.423 tonnellate di merce, ha registrato nei primi due mesi del 2024, un calo pari al 39,3% (circa 414 mila tonnellate in meno) rispetto allo stesso periodo del 2023. Analizzando l’andamento delle singole merceologie, risulta negativa la movimentazione sia dei cereali, con 160.948 tonnellate, in calo del 63,1% rispetto al 2023 (oltre 275.000 tonnellate in meno), che delle farine, pari a 133.454 tonnellate, in calo del 9,9% rispetto al 2023. In diminuzione del 17,4% gli sbarchi dei semi oleosi, con 190.658 tonnellate; in calo anche gli oli animali e vegetali, pari a 72.190 tonnellate, (-47.182 tonnellate; -39,5% rispetto allo stesso periodo del 2023). I materiali da costruzione movimentati sono stati complessivamente 512.523 tonnellate, in diminuzione (-29,9%) rispetto al 2023 e le materie prime per la produzione di ceramiche del distretto di Sassuolo, con 437.273 tonnellate, sono in calo (-35,2%) rispetto ai primi 2 mesi del 2023. Per i prodotti metallurgici sono state movimentate 907.400 tonnellate, in crescita del 7,8% rispetto allo stesso periodo del 2023. Nei primi 2 mesi del 2024, per quanto riguarda i prodotti petroliferi, sono state movimentate 439.393 tonnellate, in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2023 (-2,7%). Positiva la movimentazione dei prodotti chimici (+26,7%), con 234.900 tonnellate e ottima la performance dei concimi, pari a 456.620 tonnellate (+88,6% rispetto al 2023). Nel primo bimestre del 2024 i contenitori, con 28.142 TEUs, sono diminuiti del 12,0% rispetto al 2023, con un calo che ha riguardato sia i TEUs pieni, pari a 22.107 (il 78,5% del totale dei TEUS) con un segno meno dell’8,9% rispetto al 2023, sia i TEUs vuoti, pari a 6.035 ed una diminuzione del 21,5% rispetto al 2023. La merce trasportata in container, pari a 312.161 tonnellate, è calata del 10,2%, mentre il numero di toccate delle navi portacontainer, pari a 72, è in linea rispetto al 2023(1 toccata in più). Buona la performance del mese di febbraio con 17.042 TEUs movimentati, di cui 13.648 pieni (+7,7%) e 3.394 vuoti (-0,6%), per 195.153 tonnellate mensili corrispondenti (+9,5% rispetto a febbraio 2023). Positivo il risultato complessivo nei primi 2 mesi del 2023 per trailer e rotabili, in aumento dell’8,7% per numero di pezzi movimentati (14.484 pezzi, 1.155 in più rispetto al 2023) ma in diminuzione del 7,6% in termini di merce movimentata (281.274 tonnellate). In controtendenza l’andamento della linea Ravenna – Brindisi – Catania, dove i pezzi movimentati, pari a 11.075, sono calati del 16,2% rispetto al 2023 (2.135 pezzi in meno). Risultato ottimo nei primi 2 mesi del 2024 per le automotive che hanno movimentato 3.094 pezzi, 3.054 pezzi in più rispetto ai soli 40 pezzi del 2023, grazie al traffico di vetture BMW sbarcate al terminal Sapir e dirette verso i mercati dell’Asia Orientale. Nel mese di febbraio al Terminal Crociere di Ravenna si sono registrati 3 scali di navi da crociera, per un totale di 140 passeggeri in “transito”. Complessivamente nel primo bimestre del 2024 si sono registrati 5 scali di navi da crociera (mentre nei primi due mesi del 2023 non ce n’era stato nessuno) per un totale di 226 passeggeri.   Dalle prime stime per il mese di marzo 2024 una movimentazione complessiva di poco superiore ai 2,3 milioni di tonnellate, in lieve diminuzione (-1%) rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Buono il risultato dei petroliferi, in aumento di oltre 100.000 tonnellate (+60%), dei metallurgici, in aumento di oltre 85.000 tonnellate (+ 21%), degli agroalimentari solidi, in aumento di oltre 42.000 tonnellate (+11,5%) e dei materiali da costruzione in aumento di oltre 21.000 tonnellate (+4,5%) mentre per le altre merceologie si stimano cali più o meno significativi: i chimici dovrebbero calare complessivamente del 53% (circa 67.500 tonnellate in meno), i concimi del 30% (circa 61.500 tonnellate in meno), gli agroalimentari liquidi del 4% (circa 4.000 tonnellate in meno) e i combustibili minerali solidi dell’82% (circa 55.500 tonnellate in meno). In diminuzione rispetto a marzo 2023 anche la merce su trailer sia per tonnellate (-17,3% in meno) che per numero di trailer, con quasi 1.800 pezzi in meno (-23%). Si stima in calo anche la merce in container per tonnellate (quasi -24% in meno) che per numero di TEUs (4.800 in meno, con un calo del 21%). Il primo trimestre 2024 dovrebbe chiudersi, in sintesi, con una movimentazione complessiva di poco più di 6,1 milioni di tonnellate, in calo di circa il 6% rispetto allo stesso periodo del 2023, grazie al parziale recupero dei mesi di febbraio e marzo rispetto all’apertura di gennaio. Come progressivo, sono in crescita solamente i concimi, per 153.000 tonnellate (+34%), i petroliferi per oltre 103.000 tonnellate (+14,3%) e i metallurgici per oltre 150.000 tonnellate (+12%). In calo di quasi il 25%, invece, gli agroalimentari (oltre 375.000 tonnellate in meno) e di circa il 5,5% i chimici (oltre 18.000 tonnellate in meno). In diminuzione (-16,4%) anche i materiali da costruzione, per oltre 197.000 tonnellate in meno. Stima negativa nei primi 3 mesi del 2024 per i container, con quasi 46 mila TEUs (oltre 8.600 TEUs in meno; -15,8% rispetto al 2023); dal punto di vista dei volumi movimentati, la merce in container è stimata in poco più di 504 mila tonnellate, in diminuzione del 15,8% rispetto al 2023. In calo anche il numero dei trailer movimentati che, nel primo trimestre del 2024, dovrebbero raggiungere i 17.000 pezzi (oltre 3.900 pezzi in meno, -18,7%) e con la merce su trailer attestata su poco più di 430 mila tonnellate, in diminuzione dell’11,2% rispetto a quella movimentata nello stesso periodo del 2023.  Per quanto riguarda le crociere a marzo 2024 si sono registrati 3 scali per 142 passeggeri e pertanto per i primi 3 mesi gli scali di navi da crociera sono 8 per un totale di 368 passeggeri, contro i 2 scali e i 91 passeggeri dello scorso anno registrati tutti a marzo 2023.   A cura dell’Area Programmazione e Sviluppo (Direzione operativa AdSP)  

Servizi online

Pubblicità Legale

Accedi al servizio

Meteo

Accedi all'area

Port Community System

Accedi a PCS-Ravenna

Gestione documentale

Accedi al Sistema

Rail dashboard

Accedi al servizio

Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare.

Privacy policycookies