Vietato l’accesso alle dighe foranee ed ai moli guardiani del Porto di Ravenna a partire dalle ore 22:00 del giorno 23.12.2020 alle ore 05.00 del giorno 07.01.2021

Pubblicata l’Ordinanza n. 11 del 2020 che vieta l’accesso alle dighe foranee ed ai moli guardiani del Porto di Ravenna a partire dalle
ore 22:00 del giorno 23.12.2020 alle ore 05.00 del giorno 07.01.2021

Di seguito il testo integrale dell’Ordinanza:

ORDINANZA N. 11/2020
Il sottoscritto, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, Porto di Ravenna;
Vista la legge n. 84 del 28.01.1994 di “Riordino della legislazione in materia portuale” e ss.mm.ii., con particolare riferimento agli artt. 4 comma 3 lett. d) ed e), 6 comma 4 lett. a), d) ed e), 8 comma3 lett. g), m) ed n);
Visto il D.M. 06.04.1994 con il quale è stata individuata la circoscrizione territoriale dell’Autorità Portuale di Ravenna;
Visto il D.M. n. 416/2016 del 01.12.2016 di nomina del sottoscritto Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale;
Vista l’Ordinanza n. 07/2020 emessa in data 10.08.2020 dal sottoscritto Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, con la quale viene disposta la regolamentazione degli accessi alle dighe foranee ed ai moli guardiani del Porto di Ravenna;
Vista l’Ordinanza n. 10/2020 emessa in data 13.11..2020 con la quale il sottoscritto Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale disponeva il divieto di accesso alle dighe foranee ed ai moli guardiani del Porto di Ravenna a partire dalle ore 22:00 di ogni venerdì e fino alle ore 05:00 del lunedì successivo;
Visto il D.L. n. 158 del 02.12.2020 recante “Disposizioni urgenti per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla diffusione del virus COVID-19”;
Visto l’art. 1 comma 2 del D.P.C.M. 03.12.2020 ai sensi del quale “E’ fatto obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, fatte salve le eccezioni già previste e validate dal Comitato tecnico-scientifico di cui all’articolo 2 dell’ordinanza 3 febbraio 2020, n. 630, del Capo del Dipartimento della protezione civile”;
Visto l’art. 1 comma 5 del D.P.C.M. 03.12.2020 ai sensi del quale “Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie la chiusura al pubblico”;
Visto, inoltre, l’art. 13 del D.P.C.M. 03.12.2020 il quale dispone che “il Prefetto territorialmente competente, informando preventivamente il Ministro dell’Interno, assicura l’esecuzione delle misure di cui al presente decreto, nonché monitora l’attuazione delle restanti misure da parte delle amministrazioni competenti”;
Considerato che le disposizioni del D.P.C.M. 03.12.2020 sono efficaci sino a tutto il 15.01.2021;
Considerato che l’intervenuta proroga delle misure atte al contenimento del contagio del virus COVID-19 ha comportato la contemporanea proroga della validità della sopra citata Ordinanza n. 10/2020 emessa dal sottoscritto Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale in data 13.11.2020;
Visto quanto dispone il D.L. n. 172 del 18.12.2020 con il quale si è ritenuto necessario ed urgente “integrare il quadro delle vigenti misure di contenimento alla diffusione del predetto virus in occasione delle festività natalizie e di inizio anno nuovo, adottando adeguate ed immediate misure di prevenzione e contrasto all’aggravamento dell’emergenza epidemiologica”;
Considerata l’assoluta necessità, segnalata dalla Prefettura di Ravenna, di evitare situazioni di assembramento sui moli guardiani e sulle dighe foranee del Porto di Ravenna;
ORDINA
➢ è vietato l’accesso alle dighe foranee ed ai moli guardiani del Porto di Ravenna a partire dalle ore 22:00 del giorno 23.12.2020 alle ore 05.00 del giorno 07.01.2021;
➢ è sospesa con effetto immediato e fino a diversa comunicazione la validità di ogni autorizzazione rilasciata ai sensi dell’art. 5 dell’Ordinanza n. 07/2020 dal sottoscritto Presidente dell’Autorità di
➢ l’accesso ai soggetti titolari di concessione per i capanni da pesca situati sulle dighe foranee sud (“Zaccagnini”) e nord (“Cavalcoli”) è consentito soltanto se dovuto alla necessità di porre rimedio a situazioni sopravvenute e imprevedibili (quali crolli, rottura di impianti e simili, effrazioni, ecc.) e comunque secondo tempistiche e modalità strettamente funzionali a sopperire tali situazioni. L’accesso potrà avvenire solo previo contatto con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, da esperirsi al recapito telefonico reperibile nell’apposita sezione del sito web dell’Ente;
➢ si fa obbligo a chiunque spetti di osservare e fare osservare le disposizioni contenute nella presente Ordinanza.
La presente Ordinanza entra immediatamente in vigore ed è valida fino alle ore 05:00 del giorno 07.01.2021, salvo eventuali proroghe delle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19.
Si trasmetta alla Prefettura di Ravenna ed alla Capitaneria di Porto per quanto di competenza.
Ravenna, 21 dicembre 2020
Il Presidente
Daniele Rossi

I commenti sono chiusi.