SEGNALI DI RIPRESA DEL TRAFFICO TRAGHETTI NEL PORTO DI RAVENNA

Nelle ultime settimane si sono cominciati a vedere alcuni segnali positivi di ripresa del traffico di rotabili presso il Terminal Traghetti del porto di Ravenna che fa ben sperare nell’uscita dal momento di crisi connesso all’emergenza sanitaria.

La movimentazione degli approdi in queste prime settimane di giugno ha infatti superato il riempimento medio del 2019 (421 rotabili nelle operazioni di sbarco / imbarco per ogni approdo) e, segnale altrettanto positivo, i traghetti sono partiti lasciando a terra per overbooking fino a 64 semirimorchi.

Finalmente, dopo il brusco calo dei traffici registrato in pieno lockdown (da marzo la movimentazione dei rotabili ha avuto una flessione che è arrivata a superare il 40% rispetto allo stesso periodo del 2019), si intravede una inversione di tendenza che auspichiamo sia confermata nei prossimi mesi.

Ricordiamo che il Terminal Traghetti, gestito da Alberto Bissi, occupa mediamente 70 addetti tra dipendenti e esterni ed è uno dei gate  nazionali delle Autostrade del Mare (traffico combinato mare-gomma) che opera con i principali vettori marittimi come Grimaldi e Tirrenia e che ha movimentato nel 2019 oltre 75.000 semirimorchi sulla linea Ravenna-Brindisi-Catania,  spostandoli dalle strada verso una modalità di trasporto sostenibile.

I commenti sono chiusi.