Ravenna recupera traffico rispetto al 2012, forte crescita delle Autostrade del Mare

Positivo il primo quadrimestre dell’anno per il traffico del porto di Ravenna, dove si è registrata una movimentazione merci di 7,1 milioni di tonnellate, ovvero del 3,5% in più (pari a 242 mila tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2012.

In particolare gli sbarchi sono aumentati dell’1,8% e gli imbarchi del 14,5%.

Positivo il traffico nel mese di aprile che è stato di 1,9 milioni di tonnellate, il che significa di 155 mila tonnellate superiore allo stesso mese dello scorso anno (+8,7%).

Questi incrementi nonostante secondo l’ISTAT, per l’Italia, il commercio estero, nel primo trimestre 2013, sia diminuito in termini di volumi del 2,3% per le esportazioni (-6,8% Paesi UE, +3,5% Paesi non UE) e del 6,7% per le importazioni
(-6,1% Paesi UE, -7,8% Paesi non UE).

Analizzando le differenti tipologie di merci, vediamo che quelle secche hanno registrato una crescita di 227 mila tonnellate (+5,1%), mentre le rinfuse liquide sono diminuite di 156 mila tonnellate
(-10,1%).

Segnali positivi dalle merci unitizzate: sono cresciute infatti di 72 mila tonnellate (+9,6%) le merci in container e quelle su rotabili sono passate da 171 mila a 271 mila tonnellate, registrando un saldo positivo pari a 100 mila tonnellate (+58,0%).

Tra le merci secche i dati positivi sono per i prodotti agricoli (+56,1%), che sono passati da 274 mila a 427 mila tonnellate, grazie ad una consistente importazione di granoturco proveniente dall’Ucraina, per le derrate alimentari (+12,3%), il cui aumento è da attribuirsi a semi oleosi e oli e grassi vegetali, provenienti perlopiù dall’Indonesia, e per i concimi (+9,8%) che hanno registrato una crescita degli scambi con Spagna, Grecia, Egitto e Estonia.

Dopo un 2012 particolarmente negativo, nel quadrimestre risultano in crescita anche i prodotti metallurgici (+6,7%), per i quali, negli ultimi mesi, a causa della difficoltà di approvvigionamento dal porto di Taranto, sono variati i Paesi di importazione.

In recupero, anche se ancora in calo, i materiali da costruzione (-5,8%), la cui diminuzione è da attribuirsi perlopiù alla crisi del settore delle ceramiche.

Buono il risultato del traffico container che è stato pari a 70.252 TEUs, 2.825 in più (+4,19%) rispetto allo scorso anno. In particolare l’aumento registrato è stato di 2.409 TEUs per i pieni (+4,7%) e di 416 TEUs  per i vuoti (+2,7%).

Per quanto riguarda la movimentazione trailer continuano ad essere molto positivi gli effetti del nuovo collegamento della Grimaldi Ravenna-Brindisi-Catania: sulla linea Ravenna-Catania il traffico CIN/Tirrenia e Grimaldi è stato complessivamente di 10.902 pezzi contro i 7.243 dello scorso anno (+50,5%) a cui si devono aggiungere quelli della nuova tratta Ravenna-Brindisi che sono stati 2.086. In totale il numero dei trailer nei primi quattro mesi è stato di 13.335 pezzi (+82,1%).

Molto positivo anche il risultato relativo al traffico di nuove auto che arrivano sulle banchine del porto di Ravenna, che da 5.112 pezzi, registrati in gennaio-aprile 2012, passano a 8.477, negli stessi mesi di quest’anno (+65,8%).

I commenti sono chiusi.