Porto di Ravenna: continua il trend di recupero dei traffici (+ 2,8%) rispetto al 2012.

In giugno record assoluto per container ed autostrade del mare.

Nella prima metà dell’anno si è registrata nel porto di Ravenna una movimentazione merci in crescita del 2,8% rispetto allo stesso periodo del 2012.

In particolare gli sbarchi sono stati pari a 9,5 milioni di tonnellate (+1,2%) mentre gli imbarchi ammontano a 1,6 milioni di tonnellate (+13,1%).

Per quanto riguarda specificatamente il mese di giugno il traffico è stato di 1.950.813 tonnellate, superiore di quasi 60.000 tonnellate (+3,1%) rispetto a giugno 2012.

Questo a fronte di dati ISTAT dai quali risulta che il commercio estero per l’Italia, nei primi cinque mesi del 2013, è diminuito in termini di volumi dell’1,6% per le esportazioni (-4,7% Paesi UE, +2,4% Paesi extra UE) e del 6,4% per le importazioni (-4,5% Paesi UE, -8,7% Paesi extra UE).

Analizzando le differenti tipologie di merci, nel semestre, si riscontra che continua il trend estremamente positivo delle merci unitizzate: le merci in container sono cresciute di 118 mila tonnellate (+10,1%), mentre quelle su rotabili sono passate da 256 mila a 491 mila tonnellate, registrando una crescita pari a 234 mila tonnellate (+91,0%).

Una lieve contrazione si registra per la movimentazione delle merci secche e delle rinfuse liquide, le prime in calo di 13 mila tonnellate (-0,2%), le seconde di 38 mila tonnellate (-1,7%).

Tra le merci secche l’incremento percentuale più significativo (+68,5%) è per i prodotti agricoli ed in particolare per il granoturco.

In crescita anche i prodotti metallurgici (+3,9%), passati da 2,29 a 2,38 milioni di tonnellate, per i quali si è registra una crescita degli arrivi dal porto di Taranto dopo le difficoltà di approvvigionamento dei mesi scorsi.

In calo rispetto all’anno precedente i materiali da costruzione (-8,3%), ma se si considera il trend mensile dall’inizio dell’anno si sono riscontrati incrementi costanti, e ad aumentare sono soprattutto le materie prime per le ceramiche per le quali a giugno si è riscontrato un +14,0% rispetto a maggio.

Per le rinfuse liquide, i chimici sono diminuiti dell’11,7%, mentre i prodotti petroliferi risultano in calo dell’1,8%. In controtendenza le derrate alimentari liquide che grazie ad un aumento dell’import degli oli vegetali hanno registrato un +10,9%.

Molto positivo il traffico container, +11,1% rispetto allo scorso anno, grazie al trend positivo registrato fin dall’inizio dell’anno, ma anche all’ottimo risultato di giugno in cui si sono contati 24.421 TEUs, il record di sempre registrato nel nostro porto. In particolare, nei sei mesi, l’aumento è stato di 5.976 TEUs per i pieni (+7,5%) e di 5.363 TEUs  per i vuoti (+23,3%).

Mese record anche per la movimentazione trailer con oltre 5.000 pezzi movimentati. Nei sei mesi sulla linea Ravenna-Catania il traffico CIN/Tirrenia e Grimaldi è stato complessivamente di 18.398 pezzi contro i 10.919 dello scorso anno (+68,5%) a cui si aggiungono quelli della nuova tratta Ravenna-Brindisi che sono stati 4.194. In totale il numero dei trailer nei primo semestre è stato di 22.972 pezzi (+105,5%), più del doppio rispetto agli 11.177 dello scorso anno.

Molto positivo anche il risultato relativo al traffico di nuove autovetture, che da 7.820 pezzi dello scorso anno, sono passati a 12.706 (+62,5%).

I commenti sono chiusi.