Notizie

NUOVO FINANZIAMENTO DI 85 MILIONI DI EURO PER IL PORTO DI RAVENNA 

 

E’ stato firmato quest’oggi dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti il Decreto  che destina un finanziamento di 85 milioni di Euro al Porto di Ravenna per investimenti ritenuti strategici allo sviluppo infrastrutturale del Paese.

Il Decreto – adottato in sede di Conferenza Unificata, nel corso di un incontro al quale ha partecipato anche il Sindaco di Ravenna, Michele de Pascale in qualità di Presidente dell’Unione delle Province Italiane – ha stanziato 906 milioni di Euro per interventi relativi alla portualità con 794 milioni previsti per gli interventi di I° fase.

Nello specifico gli interventi finanziati nel Porto di Ravenna sono due, entrambi inseriti tra quelli attivabili nella I° fase a riprova del riconoscimento del lavoro progettuale messo in campo dall’Autorità di Sistema Portuale.

Il primo, per complessivi 45 milioni di Euro, consiste nell’adeguamento alla normativa sismica ed ai fondali del Piano Regolatore Portuale, di cinque  banchine operative (Yara, Sapir, Terminal Container Ravenna, Dock’s Cereali ed Eurodocks) per complessivi 2,1 km, ai fini di consentire l’accesso a navi con maggior pescaggio, incrementando la competitività del porto in diverse tipologie merceologiche.

Il secondo, di 40 milioni di Euro, è invece legato alla Fase II del Progetto dell’Hub Portuale di Ravenna e quindi da una parte all’approfondimento dei canali Candiano e Baiona a -14,50 mt (progetto del valore complessivo di 60 milioni di Euro), in attuazione al Piano Regolatore Portuale vigente e dall’altra alla realizzazione e gestione di un impianto di trattamento dei materiali di risulta dall’escavo. La costruzione di tale impianto di trattamento e la sua gestione per 25 anni, vale complessivamente 170 milioni di Euro e garantirà la creazione di circa 30 nuovi posti di lavoro. (altro…)

Dichiarazione del presidente Rossi in relazione alle statistiche della movimentazione del primo semestre.

“I dati ufficiali della chiusura del primo semestre delle merci movimentate nel nostro porto, sono sostanzialmente  in linea con il trend che ha caratterizzato il difficile periodo iniziato nello scorso mese di marzo.  Le stime, ancora ufficiose, del mese di luglio auspichiamo possano indicare una  inversione di tendenza e finalmente un segno positivo dopo 4 mesi di contrazione dei traffici.

Nel report del primo semestre sono già anticipate le merceologie che in luglio hanno ripreso in maniera significativa, con recuperi anche a doppia cifra percentuale.

(altro…)

Pubblicato il nuovo numero della newsletter del Progetto PROMARES

INCONTRO PUBBLICO Martedì 21 alle ore 21

 

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, in collaborazione con le Pro Loco di Marina di Ravenna e Porto Corsini, organizza per

 

martedì 21 luglio alle ore 21,00

presso la sede della Pro Loco di Porto Corsini,

Via Po n.29 (Porto Corsini)

un incontro pubblico

 

per fare il punto sui progetti dell’Autorità di Sistema Portuale che interessano le due località.

 

La cittadinanza tutta è invitata a partecipare.

 

 

 

 

 

 

Per info:

Pro Loco di Porto Corsini

Tel. 0544 – 447399

 

Pro Loco di Marina di Ravenna

Tel. 0544 – 530117

Il TAR Lazio annulla determinazione ANAC su Presidenza D’Agostino La soddisfazione di Assoporti

Roma: Assoporti, l’Associazione dei Porti Italiani, esprime la propria soddisfazione per l’annullamento degli effetti della determinazione di ANAC che aveva sospeso dal proprio incarico il Presidente dell’AdSP del Mar Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino.

L’Associazione si era costituita con ricorso ad adiuvandum, elaborato dal Prof. Avv. Stefano Zunarelli, ribadendo la non applicabilità delle previsioni di inconferibilità al caso in esame, e proprio così si è espresso il Collegio nel dispositivo della sentenza.

“La sentenza del TAR Lazio”, ha sottolineato il Prof. Zunarelli, “contribuirà indubbiamente a rendere più sereni i soggetti sia italiani che soprattutto stranieri interessati a investire nei porti italiani, che sentono molto il bisogno di chiari punti di riferimento istituzionali”.

“Siamo soddisfatti che D’Agostino possa riprendere il suo ruolo e che sia stato fugato ogni dubbio sulla legittimità della nomina, “ha commentato il Presidente di Assoporti, Daniele Rossi, “Non possiamo che ribadire quanto sia vitale per la portualità la continuità della gestione delle attività nei porti italiani, che necessitano di un presidio amministrativo operante nel pieno delle sue funzioni. Confidiamo questo sia un primo passo per ristabilire serenità in tutti i porti italiani, in un momento così difficile per l’economia del Paese.”

APPROVATO IL BILANCIO CONSUNTIVO 2019 DELL’ADSP. ROSSI: “NEL 2019 ABBIAMO INVESTITO OLTRE 55 MILIONI DI EURO PER LAVORI NEL PORTO DI RAVENNA”

E’ stato approvato dal Comitato di Gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale il Bilancio Consuntivo 2019. Le Entrate sono state pari a 44 milioni di euro a fronte dei 28 milioni del 2018, mentre le Spese Correnti si attestano a 6,7 milioni in leggero incremento rispetto al 2018 dovuto ai nuovi inserimenti di personale. Le Spese in Conto Capitale per investimenti ammontano a 55 milioni di euro, raddoppiando i livelli degli investimenti del 2018 e 2017.

(altro…)

Incontro tra Associazioni del Porto di Ravenna ed Istituzioni

Nel segno di un ritorno alla normalità si è tenuto martedì 17 giugno, in Autorità Portuale, il primo incontro tra i rappresentanti delle associazioni del comparto logistico e portuale del territorio, l’Autorità Portuale, il Comune di Ravenna e la Camera di Commercio.

L’incontro è stata un’importante occasione per ritrovarsi e confrontarsi rispetto al momento storico che l’economia sta vivendo in generale ed agli inevitabili impatti che sui traffici anche nel porto di Ravenna.

(altro…)

PORTO DI RAVENNA AGGIUDICATO L’ESCAVO DEI FONDALI DA 5 MILIONI DI METRI CUBI. CONSORZIO STABILE GRANDI LAVORI REALIZZERÀ LE OPERE DELL’HUB PORTUALE DI RAVENNA DEL VALORE DI 235 MILIONI DI EURO.

Oggi, sabato 13 giugno 2020, la Commissione incaricata di esaminare e valutare le due offerte pervenute relative alla realizzazione delle opere previste nel Progetto “Ravenna Port Hub”, ha concluso il suo lavoro.

In seduta pubblica la Commissione ha dato conto dei punteggi della parte tecnica e successivamente ha proceduto all’apertura delle buste (elettroniche) dell’offerta economica dei due concorrenti (Consorzio Stabile SIS Scpa ed il raggruppamento Consorzio Stabile Grandi Lavori Scrl/Dredging International n.v.) contenenti i ribassi su tempo e prezzo.
Entrambi i Consorzi concorrenti hanno presentato offerte altamente qualificate a riprova dell’alto profilo delle imprese nazionali ed internazionali che ne fanno parte.

Alla fine delle operazioni la Commissione ha individuato nel Consorzio Stabile Grandi Lavori S.c.r.l e Dradging International n.v. Zwijndrecht (Belgio) –  a cui sono associati Fincosit S.r.l., R.C.M. Costruzioni S.r.l., TECHNITAL S.p.A., SISPI SRL e F&M INGEGNERIA SPA – il soggetto che realizzerà, tra le altre opere, anche l’escavo da 5 milioni di metri cubi nel porto di Ravenna.

L’offerta prevede un costo totale dell’opera di 198 milioni di Euro.

(altro…)

Assoporti – Propeller Clubs, un confronto proficuo e costruttivo per tutto il settore: “Parliamo di Porti: Professionalità a confronto ai tempi del COVID-19 “.

Assoporti e Propeller Clubs nazionale hanno tenuto questo pomeriggio l’evento in video-conferenza dal titolo :

“Parliamo di Porti: Professionalità a confronto ai tempi del COVID-19 “.

Dopo una breve introduzione da parte del Presidente di Assoporti, Daniele Rossi e il Presidente del Propeller Club Nazionale, Umbero Masucci,  ha preso la parola Alessandro Panaro di SRM, il quale ha presentato i dati relativi agli effetti dell’emergenza sanitaria sulla portualità nazionale e internazionale. Una relazione tecnica e dettagliata, frutto del lavoro dell’Osservatorio creato ad hoc da SRM per analizzare gli effetti del COVID-19 sulla movimentazione delle merci a livello globale.

 

Successivamente hanno preso la parola i Presidenti delle principali Associazioni di categoria del cluster marittimo e logistico. A gran voce, tutti gli intervenuti hanno chiesto maggiore attenzione per il settore che non si è mai fermato durante tutto il periodo del lockdown, garantendo l’approvvigionamento delle merci, garantendo la sicurezza ai propri lavoratori e adattandosi alle misure messe in atto. In particolare, per il cluster è necessario ripartire con delle misure di semplificazione delle procedure e di incentivazione per le imprese che oggi sono in sofferenza per il calo dei traffici. I presidenti delle AdSP che sono intervenuti hanno confermato quanto detto in precedenza, soffermandosi sul ruolo importante che i porti hanno in questa fase di rilancio economico.

 

Presente anche il Direttore Generale della vigilanza sui porti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Mauro Coletta, che nel proprio intervento ha condiviso queste necessità assicurando che le porterà all’attenzione del Ministero.

 

Nelle proprie conclusioni Rossi ha sintetizzato, “Il ruolo del settore va diviso in due tempi, adesso siamo ancora a dover fare i conti con la fase emergenziale e con quanto sarà previsto dal DL Rilancio. Successivamente occorrerà fare una programmazione strategica con il cluster, che oggi ha mostrato una forte coesione, in modo da lavorare insieme per far sentire le necessità del settore nelle sedi opportune. “

 

Molto soddisfatto anche Masucci che ha avviato questi incontri e che già pensa al prossimo con Assoporti e magari anche un interlocutore politico.

 

La presentazione di Alessandro Panaro e alcune foto della conferenza sono disponibili sul sito di Assoporti al link: https://www.assoporti.it/it/associazione/comunicazione/notizie/assoporti-e-propeller-in-video-conferenza-con-tutto-il-cluster/

SEGNALI DI RIPRESA DEL TRAFFICO TRAGHETTI NEL PORTO DI RAVENNA

Nelle ultime settimane si sono cominciati a vedere alcuni segnali positivi di ripresa del traffico di rotabili presso il Terminal Traghetti del porto di Ravenna che fa ben sperare nell’uscita dal momento di crisi connesso all’emergenza sanitaria.

La movimentazione degli approdi in queste prime settimane di giugno ha infatti superato il riempimento medio del 2019 (421 rotabili nelle operazioni di sbarco / imbarco per ogni approdo) e, segnale altrettanto positivo, i traghetti sono partiti lasciando a terra per overbooking fino a 64 semirimorchi.

Finalmente, dopo il brusco calo dei traffici registrato in pieno lockdown (da marzo la movimentazione dei rotabili ha avuto una flessione che è arrivata a superare il 40% rispetto allo stesso periodo del 2019), si intravede una inversione di tendenza che auspichiamo sia confermata nei prossimi mesi.

Ricordiamo che il Terminal Traghetti, gestito da Alberto Bissi, occupa mediamente 70 addetti tra dipendenti e esterni ed è uno dei gate  nazionali delle Autostrade del Mare (traffico combinato mare-gomma) che opera con i principali vettori marittimi come Grimaldi e Tirrenia e che ha movimentato nel 2019 oltre 75.000 semirimorchi sulla linea Ravenna-Brindisi-Catania,  spostandoli dalle strada verso una modalità di trasporto sostenibile.